top of page
  • rainboweurope20

Attività di Icebreaking



Destinatari

Studenti della scuola secondaria di 15-18 anni. Non sono richieste conoscenze pregresse sull'argomento trattato


Durata

2 lezioni (60 minuti ciascuna)


Ambiente di apprendimento

Interno - aula


Obiettivi della formazione

  • - aumentare la fiducia in sé stessi e negli altri

  • - Riduzione delle inibizioni sociali tra i membri del gruppo

  • - Creazione di un linguaggio comune

  • - Sviluppare le capacità di ascolto


Argomenti trattati

cyberbullismo, conoscenza, riflessione, atteggiamento critico


Descrizione del metodo

La metodologia utilizzata durante gli incontri è di tipo attivo. Niente incontri ex-cathedra, ma attività coinvolgenti per fornire agli studenti esperienze dirette e pratiche. Le attività dinamiche permetteranno ai partecipanti di sperimentare i contenuti in modo nuovo, diverso e coinvolgente. Le lezioni basate sulla condivisione di esperienze personali, emozioni e sensazioni permettono agli studenti di comprendere più a fondo e di concentrarsi sui concetti e sugli argomenti trattati. Gli studenti saranno stimolati a produrre contenuti.


Strumenti / Materiali / Risorse

Computer, video, materiale stampato, penne, fogli e post-it.


Descrizione dettagliata di ogni fase dell’attività / delle sequenze delle unità

Per poter affrontare temi delicati come il bullismo, è necessario stabilire un rapporto di fiducia con l'insegnante, ma soprattutto creare fiducia e cooperazione tra i ragazzi attraverso attività di rottura del ghiaccio. Le attività che seguono hanno lo scopo di far collaborare i ragazzi, di introdurre l'argomento in modo informale e di stimolare le riflessioni. Lezione 1: Giochi per rompere il ghiaccio:

IMPULSI: Un gioco per entrare in sintonia con gli altri e trovare l'armonia nel gruppo (5min)

In cerchio, occhi chiusi, mani sulle spalle dei vicini. Il primo inizia rilasciando un impulso con le mani che deve essere trasmesso in tutto il cerchio fino a tornare al punto di partenza. L'ultimo che riceve l'impulso può vocalizzare l'arrivo dell'impulso.

IPNOSI COLOMBIANA: Aiuta a mantenere l'attenzione sull'altro identificandosi con l'altro corpo. (10 minuti)

Dividere il gruppo in coppie. Ogni coppia decide chi è il giocatore A e chi è il giocatore B. Il giocatore A è l'ipnotizzatore che tiene la mano con il palmo in avanti, le dita in alto, a una distanza compresa tra i 20 e i 40 centimetri dal viso dell'altro, che è quindi come ipnotizzato e deve mantenere il suo viso sempre alla stessa distanza dalla mano dell'ipnotizzatore, l'attaccatura dei capelli all'altezza della punta delle dita, il mento più o meno all'altezza della base del palmo. L'ipnotizzatrice inizia una serie di movimenti con la mano, su e giù, a destra e a sinistra, avanti e indietro... il compagno deve contorcere il proprio corpo in tutti i modi possibili per mantenere la stessa distanza tra il viso e la mano, in modo che viso e mano rimangano paralleli. Dopo qualche minuto, i due giocatori cambiano ruolo. Dopo un altro po' di tempo, entrambi possono allungare una mano destra ipnotizzante, diventando leader e seguaci allo stesso tempo. Le posizioni saranno sempre più insolite. Assicurarsi sempre che i partecipanti siano a proprio agio e si sentano sicuri con l'esercizio.

IL MURO DEI PENSIERI - BRAINSTORMING: (10 min.)

L'insegnante scrive alcune parole relative ai social media e al cyberbullismo su dei post-it e li attacca alla parete. Gli studenti devono dire le cose che gli vengono in mente.

PERCHÉ NO? (5+10 min)

L'esercizio porta i partecipanti a decidere cosa condividere di sé. Poi spiegano e discutono i criteri che ciascuno ha usato per decidere cosa condividere di sé. Alla fine della discussione, gli studenti cercano di capire se ciò che hanno detto è sufficiente per mostrare e descrivere realmente come sono. L'attenzione si concentra sul potere delle parole usate o non usate, anche online (una domanda per stimolare questa riflessione potrebbe essere: "Guardando il tuo profilo sui social network, ti conosco davvero?").

ALGORITMO (15 min)

Chiedete agli studenti di disegnare una griglia 3X3 su un foglio di carta.


  • Ogni studente scrive 3 interessi personali su un post-it e lo consegna al formatore.

  • Il formatore legge tutti gli interessi scritti dal gruppo, senza ripetere gli stessi, e aggiunge lui stesso altri interessi che non erano stati scritti

  • ogni volta che gli studenti si riconoscono negli interessi letti, colorano un quadrato della griglia

  • Vince chi annerisce completamente la griglia per primo.

Riflessione:

  • Il formatore chiede agli allievi: "cosa ha a che fare questa attività con la Rete?" e raccoglie le loro risposte, invitandoli a provare, senza paura di fallire.

  • Spiegazione del formatore per introdurre l'argomento dell'algoritmo dei social media:

- questo gioco fornisce una visione limitata, non sarebbe possibile altrimenti: non si è in grado di conoscere tutto di tutti. Lo stesso accade con i contenuti pubblicati online: Non sono in grado di vedere tutti i contenuti della Rete, vedo solo quello che mi interessa. Questo comporta anche dei rischi... Quali? (chiedere agli studenti) - Potrei essere interessato a molte cose diverse, ma se Internet mi propone solo le cose che è convinto mi interessino (utilizzando l'algoritmo delle nostre attività online), le perderò! Il risultato è una "bolla" caratterizzata da poca diversità, divento passivo nella fruizione dei contenuti online (entro e scorro il feed) e i miei interessi rischiano di diventare piatti. - Deleghiamo all'algoritmo dei social media la scelta dei contenuti che vediamo online; anche la moda e le tendenze, oggi, sono decise dall'algoritmo (che ti propone ciò che pensa possa piacerti, anche in base a ciò che piace alla maggioranza di quelli come te). CONCLUSIONI (5 min):

- Se stiamo su internet passivamente, non cresciamo! - Per uscire dalla bolla bisogna comunicare bene. Comunicare è condividere → Posso comunicare anche attraverso le foto e i video che pubblico. Lezione 2: LA LINEA ROSSA (10 min) condivisione di esperienze per conoscersi meglio e rompere il ghiaccio.

Sul terreno viene tracciata una linea retta. Gli studenti si dispongono a destra e a sinistra della linea. Se la domanda è pertinente per loro, si avvicinano alla linea e poi tornano al loro posto. L'insegnante dice: "si avvicini alla linea rossa chi..." e formula un'esperienza come: - chi ha un fratello - chi fa sport - che sa nuotare - chi vive in città - si è arrabbiato con un compagno - si è sentito aggredito verbalmente da un compagno di scuola - si è sentito solo ultimamente CONDIVIDERE LA PROPRIA STORIA: guardare un video (5 min)

https://www.youtube.com/watch?v=9f8liieRepk Questo è un estratto del film "Freedom Writers": Attraverso le parole, gli studenti affermano la loro presenza nel mondo, recuperando il dialogo con se stessi e con gli altri. EMOJI: (10 min)

Gli studenti vengono divisi in gruppi di 4/5 persone. A ogni studente viene consegnato un foglio di carta con una stampa di emoji di Whatsapp.


Ognuno ha qualche minuto per scegliere 5 icone che descrivono pensieri su di sé. A turno, gli altri compagni del gruppo dovranno interpretare ciò che vedono. Alla fine ci sarà un confronto. Riflessione: - è mai capitato - anche usando solo le parole - di interpretare cose diverse dalla realtà? - secondo voi, cosa si perde in una chat?

  • Espressione, comunicazione non verbale...

  • la situazione che l'altro sta vivendo

  • quello che l'altro ha "dentro", il suo stato d'animo....

quindi→ scegliamo con cura le parole da dire, pensando alla persona a cui le diciamo AVATAR DELLE PAROLE: Identità e costruzione di relazioni (30 min)

- A ogni studente viene chiesto di pensare e scrivere su un foglio le 5 parole che gli altri dicono più spesso di lui/lei (genitori, famiglia, amici, insegnanti, allenatori...) e le 3 parole che lui/lei dice più spesso di sé. Possono essere parole che si riferiscono a qualità o caratteristiche della persona (pigro, lento, attento, divertente...). - Ogni studente riceve un kit LEGO 4+ e sui mattoncini riscrive le parole che ha pensato in precedenza. - Ogni studente costruisce il proprio avatar fatto di parole



Riflessione: - le parole che gli altri mi dicono fanno comunque parte di me - le parole che gli altri dicono su di me fanno comunque parte di me - sei d'accordo? → anche se diciamo che non ci interessa, il nostro cervello ne tiene automaticamente conto e questo ci influenza (sei un fallito, non ce la farai mai! sarà vero? forse mi convinco che lo è!) - attenzione a non usare parole a caso... possono avere conseguenze sull'altra persona che non ci aspettiamo, possono diventare parte di essa. Spesso usiamo parole senza pensare alle conseguenze, usiamo insulti detti per amicizia... ma attenzione! CONCLUSIONI (5 min):

guardare un video (1:30 min) https://www.youtube.com/watch?v=4CKzzlfzkOc Questo è un estratto del film "C'est la vie" e mostra l'importanza di scrivere un messaggio corretto su una chat.

  • Le parole che usiamo con poco rispetto spesso derivano dalla nostra conoscenza superficiale dell'altro... andiamo più a fondo!

Fonti

n.a.


Valutazione (ai fini del voto)

n.a.


Diritti di proprietà intellettuale/ Origine dell’attività

Questa attività può essere copiata, distribuita, modificata e utilizzata per scopi non commerciali, specificando la fonte.

7 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Commentaires


bottom of page